FORGOT YOUR DETAILS?

PAOLO LORENZI VINCE LA 9 EDIZIONE

GIOCA CON IL CAMPIONE

UN MOMENTO UNICO PER TUTTI I BIMBI

RIPERCORRI LA STORIA DEL TORNEO

PASSIONE PRIMA DI TUTTO

Il MEGLIO della 9° EDIZIONE Memorial Carlo Agazzi – Trofeo CST

SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DEDICATA ALL'EVENTO

RESTA CONNESSO

L’ANNIVERSARIO SPECIALE DI PAOLO LORENZI IL TOSCANO FA IL BIS AL MEMORIAL CARLO AGAZZI

Iseo, 17 dicembre – Il 17 dicembre del 2016 Paolo Lorenzi pronunciava il fatidico “sì” nella sua Siena, sposando la storica fidanzata Elisa. Esattamente dodici mesi più tardi ha risposto presente sui campi del PalaIseo, mettendo la firma sulla nona edizione del Memorial Carlo Agazzi - Trofeo CST. Un anniversario particolare, nel segno del suo infinito amore per il tennis, festeggiato davanti ai circa 400 spettatori che sin dal mattino hanno assiepato le tribune del Centrale, ricevendo in cambio il miglior Memorial di sempre. E non solo per la qualità di un tabellone che contava su ben cinque giocatori che anche a livello nazionale si vedono di rado, ma anche per quasi 10 ore di spettacolo, chiuse dal doppio fallo che ha condannato il campione uscente Federico Gaio alla sconfitta per 5-4 4-5 4-2. L’andamento della finale, che ha messo uno contro l’altro gli ultimi due vincitori del rodeo Open di Iseo, lo racconta bene il punteggio: è stato un duello combattuto punto su punto, con tante possibilità di break da entrambe le parti ma con la legge dei servizi che è andata in frantumi solo nel terzo set, dopo due frazioni terminate al fotofinish. La prima ha dato ragione a Lorenzi, mentre la seconda ha visto il toscano commettere un brutto errore in avvio di tie-break. Errore che Gaio gli ha fatto pagare a caro prezzo. Dettagli che a certi livelli fanno la differenza, come la differenza l’ha fatta il piccolo calo del 25enne faentino nel terzo set. Un primo break ha dato subito il 2-0 a Lorenzi; e poi un secondo break, dopo che il set era stato riequilibrato, è arrivato nel sesto gioco, quando di tempo per recuperare non ce n’era più. Così è esplosa la gioia di Lorenzi, di nuovo campione in una manifestazione che gli è entrata nel cuore. Il toscano ha trovato il modo ideale per chiudere la miglior stagione della sua carriera, foriera del best ranking al n.33 del ranking Atp, di due finali nel circuito maggiore e degli ottavi di finale allo Us Open. Lorenzi diventa il secondo giocatore capace di vincere il titolo per due volte, insieme a Flavio Cipolla. Proprio Cipolla era stata la “vittima” del senese nella semifinale, mentre Gaio in precedenza aveva superato prima il qualificato Alessandro Coppini e poi Andrea Arnaboldi, in un match deciso da due tie-break. “Sono felicissimo per il titolo - ha detto Lorenzi - perché qui torno sempre volentieri, e trovo ogni anno una splendida atmosfera. Con la famiglia Agazzi si è creata una grande amicizia, e grazie al loro invito ho trascorso un bellissimo week-end a partire da venerdì, giorno del mio compleanno. Non vedo l’ora di tornare nel 2018”. Insieme a lui ridono gli organizzatori, di nuovo promotori di un torneo da applausi. “Dire che sono soddisfatto - ha spiegato il direttore del torneo Andrea Agazzi - è riduttivo. Abbiamo assistito a uno spettacolo di primissima qualità, con i giocatori che non si sono risparmiati nemmeno su una palla. Il nostro grazie va a loro, così come agli sponsor che rendono possibile il nostro torneo, alle tantissime persone che ci aiutano e anche al pubblico da record visto oggi. Lavoreremo per regalare a tutti un evento sempre migliore”. Una promessa che, ci si può già scommettere, verrà mantenuta. Come sempre.

IL MEGLIO DELLA 9° EDIZIONE

PAOLO LORENZI

È nato a Roma, il 15 dicembre del 1981, da genitori toscani. Cresciuto a Siena (dove risiede), nel 2017 ha raggiunto il suo best ranking nella classifica mondiale Atp, arrivando alla posizione numero 33. Da anni membro fisso della nazionale italiana di Coppa Davis, oggi è numero 41 Atp e 2 d’Italia, e quest’anno ha ottenuto il suo miglior risultato in un torneo del Grande Slam, arrivando agli ottavi di finale allo Us Open, dove si è arreso solo al futuro finalista Kevin Anderson. In carriera il giocatore allenato da Claudio Galoppini ha vinto diciotto tornei Challenger ma soprattutto un titolo Atp 250, nel luglio del 2016 a Kitzbuhel. Ha disputato due edizioni del Memorial Carlo Agazzi – Trofeo CST, vincendo il titolo nel 2015.

MATTEO BERRETTINI

È nato a Roma, il 12 aprile del 1996. Cresciuto sotto la guida del suo attuale coach Vincenzo Santopadre, è stato una delle piacevoli sorprese del 2017 del tennis italiano. Ha iniziato la stagione alla posizione numero 433 della classifica Atp e l’ha terminata da numero 136, grazie a una lunga serie di risultati nei tornei Challenger. In totale il gigante laziale ha raggiunto quattro finali, vincendo il suo primo titolo a San Benedetto del Tronto e arrendendosi all’ultimo atto nei tornei di Quanzhou (Cina), Portorose (Slovenia) e Istanbul (Turchia). Nel 2017 è stato il quindicesimo miglior “Next Gen” (gli under 21, nel ranking Atp) al mondo. Col suo Circolo Canottieri Aniene ha appena vinto il titolo di campione italiano a squadre nella Serie A1.

ANDREA ARNABOLDI

È nato a Milano, il 27 dicembre 1987, ma è cresciuto e risiede a Cantù, in provincia di Como. Attualmente numero 234 del ranking ATP, in carriera ha vinto 7 tornei Futures, ha raggiunto la bellezza di tredici semifinali a livello Challenger, ed è stato numero 153 del mondo nel 2015, anno della qualificazione agli Internazionali d'Italia e del secondo turno al Roland Garros. Proprio nelle qualificazioni dello Slam parigino il lombardo ha vinto il match di tre set più lungo (sia per minuti sia per game disputati) nella storia del tennis, battendo il francese Pierre-Hugues Herbert per 6-4 3-6 27-25, dopo 4 ore e 30 minuti di gioco. Da anni si allena a Zingonia (Bergamo) sotto la guida di Fabrizio Albani, ed è alla sua prima apparizione al Memorial Carlo Agazzi - Trofeo CST.

FEDERICO GAIO

È nato a Faenza, in Emilia Romagna, il 5 marzo 1992. Attualmente numero 252 della classifica mondiale Atp, da under 18 è stato una delle più grandi promesse del tennis azzurro, arrivando in finale al prestigioso Trofeo Bonfiglio di Milano, gli Internazionali d’Italia juniores. Da professionista, invece, ha vinto due tornei Challenger, nove Futures, e lo scorso mese di marzo è arrivato al numero 146 della classifica mondiale, suo best ranking. Allenato da Enrico Casadei, quest’anno ha conquistato anche i quarti di finale all’Atp 250 di Quito (Ecuador) e si è qualificato per il Masters 1000 di Indian Wells, in California. È il campione in carica del Memorial Carlo Agazzi – Trofeo CST, grazie al titolo all’esordio nel 2016

FLAVIO CIPOLLA

È nato a Roma, il 20 ottobre 1983. In carriera ha raggiunto il terzo turno allo Us Open ed è stato numero 70 della classifica mondiale Atp, battendo ben quattro campioni Slam: Andy Roddick, Stan Wawrinka, Marin Cilic e Thomas Johansson. Vincitore di cinque tornei Challenger, nel 2009 ha difeso anche i colori dell’Italia in Coppa Davis. Ottimo doppista, nel 2016 ha vinto un titolo Atp a Istanbul, mentre quest’anno ha sfiorato gli ottavi di finale al torneo di Wimbledon, partendo dalle qualificazioni. Fresco di titolo nel Campionato nazionale di Serie A1 col suo Circolo Canottieri Aniene, sui campi del PalaIseo è imbattuto: ha partecipato a due edizioni e le ha vinte entrambe, nel 2012 e nel 2013.

ECCO I BIG AL PALAISEO, DOMENICA TUTTI IN CAMPO MARTINI E COPPINI I QUALIFICATI AL MAIN DRAW

Iseo, 16 dicembre - Per vedere in campo tutti i big bisognerà aspettare ancora qualche ora, ma la nona edizione del Memorial Carlo Agazzi - Trofeo CST ha già regalato spettacolo, confermando tutte le premesse della vigilia. Perché se è vero che il rodeo Open di Iseo (provincia di Brescia) entrerà nel vivo nella giornata di domenica, è vero anche che al PalaIseo è già arrivato un gustoso antipasto nel sabato delle qualificazioni, che ha visto quindici giocatori in campo a contendersi i pass per la seconda giornata. Il primo a festeggiare è stato Ottaviano Martini, classificato 2.4, grande sorpresa della giornata inaugurale: il ventenne lecchese ha esordito rifilando un doppio 4-1 a Manuel Massimino, poi ha fatto fuori in rimonta (3-5 5-4 4-0) la prima testa di serie delle qualificazioni Davide Pontoglio, e quindi ha superato la classica prova del nove contro il pugliese (trapiantato a Palazzolo Sull’Oglio) Giuseppe Tresca. Per quanto visto nei primi due incontri il favorito era il lombardo, che ha confermato i pronostici superando il rivale con un facile 4-1 4-2, e guadagnandosi la possibilità di affrontare domenica Flavio Cipolla, unico capace di conquistare il Memorial in due occasioni. Nella parte bassa del tabellone, invece, il pass per la giornata di domenica è andato ad Alessandro Coppini, 19 anni da Milano, anche lui protagonista di una bella rimonta al secondo turno: ha sconfitto per 2-4 5-4 4-2 l’esperto Jonata Vitari, e poi si è guadagnato la qualificazione (e la sfida col campione uscente Federico Gaio) battendo per 4-1 5-4 Alessandro Dragoni. Nel frattempo sono arrivati al PalaIseo anche i big in gara domenica, compreso il grande favorito Paolo Lorenzi. Venerdì il n.2 d’Italia ha festeggiato in terra bresciana il 36esimo compleanno, mentre nel pomeriggio di sabato ha partecipato all’evento organizzato al negozio Tennis Player di Brescia, trascorrendo qualche ora a disposizione degli appassionati per chiacchiere, foto e autografi. Nel pomeriggio si è conclusa anche l’edizione 2017 del torneo sociale del PalaIseo, vinto da Paolo Marchetti, passato per 4-2 2-4 4-2 in finale su Gianluca Verzeletti. Domenica il programma scatta alle 10 (ingresso gratuito), con in campo una dopo l’altra tutte le stelle della nona edizione. Dalle 14.30 è prevista anche la diretta TV sul canale TeleTutto (e in streaming su teletutto.it), con ampie finestre nel corso della trasmissione “Tutti in campo”. Fra semifinali e finale, intorno alle 16.30, l’esibizione “Gioca con il campione”, aperta a chiunque desideri scambiare qualche palla con i professionisti. Ulteriori informazioni su www.palaiseo.it o sulla pagina Facebook del Memorial Carlo Agazzi - Trofeo CST.

CI SONO ANCHE I CUGINI ARNABOLDI AL PALAISEO E QUANTI “SECONDA”: QUALIFICAZIONI DI LUSSO

Iseo, 15 dicembre - Non bastava una lista di partecipanti stellare, con Paolo Lorenzi, Matteo Berrettini, Federico Gaio e Flavio Cipolla. No, perché gli organizzatori del Memorial Carlo Agazzi - Trofeo CST hanno aggiunto all’elenco un altro protagonista di spessore, pronto a infiammare i campi del PalaIseo con un tennis mancino davvero piacevole. Si tratta del canturino Andrea Arnaboldi, 29enne numero 234 della classifica Atp, noto agli appassionati di tutto il mondo per il suo match da record al Roland Garros del 2015. Più in là nel torneo avrebbe raggiunto il 2° turno nel tabellone principale, lottando col Top 10 Marin Cilic, ma il vero miracolo allora l’aveva firmato nelle qualificazioni, quando ha sconfitto per 6-4 3-6 27-25 il francese Herbert, dopo 4 ore e 30 minuti di gioco, vincendo il match ai tre set più lungo (per durata e game giocati) nella storia del tennis. Un altro asso, insomma, calato da Andrea Agazzi e dal suo staff prima di alzare il sipario sulla nona edizione, al via sabato. Ed è proprio nella prima giornata che si decideranno i nomi di chi potrà sfidare i big nella seconda, in un elenco di giocatori in cui spicca anche il 2.2 bresciano Davide Pontoglio. In tutto le iscrizioni al rodeo Open sono state una quarantina, tagliate a 20 (per ordine di classifica). Oltre a Pontoglio, sicuri di un posto anche gli altri bresciani Dall’Asta, Berta e Savoldi. Nelle qualificazioni ci sarà anche il 17enne Federico Arnaboldi, 2.4 e cugino del “pro” Andrea, uno dei giovani più interessanti del panorama tricolore, come certificato dal titolo del 2016 al prestigioso Torneo Avvenire di Milano, finito in passato nelle mani di leggende come Lendl, Edberg e Ivanisevic. Il via a entrambe le giornate di gara è previsto per le ore 9, con il programma di domenica che si infiammerà già al mattino, con subito in campo tutti i grandi protagonisti. Eccezion fatta per Paolo Lorenzi, che da prima testa di serie esordirà nel pomeriggio. Tra semifinali e finale torna anche l’esibizione “Prova a giocare con i campioni”, che permetterà a chiunque di palleggiare con i professionisti. Sempre per domenica, dalle 14.30 in avanti, è prevista anche la diretta Tv sul canale TeleTutto (e in streaming su teletutto.it) con ampie finestre nel corso della trasmissione “Tutti in campo”. Altre informazioni su www.palaiseo.it e sulla pagina Facebook del Memorial Carlo Agazzi - Trofeo CST.

CI SONO LORENZI, BERRETTINI, GAIO E CIPOLLA: PER UN MEMORIAL AGAZZI SENZA PRECEDENTI

Iseo, 11 dicembre - Anche stavolta gli organizzatori del Memorial Carlo Agazzi - Trofeo CST hanno fatto le cose in grande. Avevano anticipato l’intenzione di regalare una nona edizione da incorniciare, lavorando sottotraccia per portare al PalaIseo giocatori di spessore. E i nomi dei big sono arrivati, a far aumentare l’acquolina in bocca per l’evento di sabato 16 e domenica 17 dicembre. La prima testa di serie del rodeo Open sarà Paolo Lorenzi, n.41 del mondo e 2 d’Italia. Il toscano ha vinto l’edizione 2015, poi le nozze che lo hanno obbligato a non partecipare al torneo 2016. Ma il quasi 36enne toscano aveva lasciato intendere che sarebbe tornato e ora lo fa al termine di un’ottima stagione, che l’ha visto arrivare in finale a due appuntamenti del circuito maggiore Atp (Quito e Umago) e soprattutto agli ottavi di finale dello Us Open. Il secondo favorito di quest'anno sarà invece il “Next Gen” azzurro Matteo Berettini, il giovane italiano che più si è distinto nel 2017. Il 21enne romano si è reso protagonista di una crescita impetuosa, e grazie a una formidabile accoppiata servizio-diritto, ha scalato circa 300 posizioni nella classifica mondiale, arrivando fino al n.120. Significa che il prossimo anno tenterà l’atteso ingresso fra i primi 100 Atp, ma prima il romano punta al bersaglio grosso in riva al Lago d’Iseo, dove i campi rapidi sono pronti a esaltare il suo tennis costruito ad hoc per le superfici veloci. Sorprese finite? Macché. In campo al PalaIseo ci saranno altri due giocatori già capaci di incidere il proprio nome nell'albo d'oro del torneo in passato: sono Federico Gaio e Flavio Cipolla. Il primo tornerà in terra bresciana per difendere il successo di dodici mesi fa, mentre l’ex n.70 Atp - già presente a Iseo il 30 novembre per la presentazione-evento della nona edizione - cercherà di confermare l’imbattibilità costruita con le vittorie tra 2012 e 2013. Insieme a loro, già sicura anche la presenza del 2.2 bresciano Davide Pontoglio, campione italiano di seconda categoria nel 2016 e pronto a portare a otto il suo record di presenze. In totale i partecipanti alla nona edizione del Memorial Carlo Agazzi - Trofeo CST saranno 20: iscrizioni aperte fino a giovedì. Ulteriori informazioni su www.palaiseo.it oppure sulla pagina Facebook dedicata al Memorial Carlo Agazzi - Trofeo CST.

LOCANDINA PER I GIOCATORI

LOCANDINA PER I GIOCATORI

TOP